Immagine: testimone individuale di Louis Turenne PERCHÈ  RIPROPORRE TURENNE OGGI? Il clima culturale e sociale moderno, letteralmente affollato di ipotesi d’ogni genere e così ricco  di opportunità e di proposte, sempre più soffre di confusione, e spesso d’incertezze. Sono  moltissime le persone che vogliono sapere di tutto, ma quando si tratta di mettere in pratica o  di adottare una teoria, un principio, un modello di vita… vanno in confusione. La riproposta di  Turenne attraverso questo sito, che abbiamo voluto principalmente antologico, pensiamo  possa venire in aiuto a tutti coloro che non sono alla ricerca di medicine o rimedi per le loro  malattie, ma a tutti coloro che sono alla ricerca di capire come si può rimanere sani e  conservare la Salute. In Turenne si parla di PREVENZIONE! Turenne fu uno scienziato e di  scienza è saturo tutto il suo Metodo, tuttavia per beneficiare delle sue scoperte non occorre  essere dotti, occorre semplicemente utilizzare i suoi Catalizzatori d’Onda ai quali chiunque  può avvicinarsi con facilità, in qualsiasi condizione di età o stato di salute.  I PRINCIPI  PIÙ  IMPORTANTI La Comunità Scientifica Mondiale, intorno alla metà del 1800, ha affermato ed universalmente  accettato che all’origine di tutto ciò che è visibile e materiale c’è un’onda: l’onda è all’origine di  tutto. Ne deriva che lo “stato d’essere” e la qualità di tutto ciò che esiste, anche nella materia  visibile, dipende dallo “stato d’essere” e dalla qualità dell’onda invisibile che lo genera.  Turenne per primo e fino ad oggi ancora l’unico, invece d’indagare la materia o le cosiddette «energie forti» come hanno fatto tutte le  Scienze moderne  - ha indagato la struttura delle onde, specificatamente nella zona delle energie deboli a bassissima intensità, cioè quelle  realtà invisibili che sono all’origine di ogni realtà materiale visibile.  Fu il primo a scoprire che le forme sono sempre generatrici di particolari energie, e fu il primo a constatare che le onde trasportano,  incapsulate in sé, informazioni e messaggi in forma di quanti d’energia. Che un’onda risulti benefica o malefica dipende soprattutto dal tipo  di informazioni che trasporta. Tutta la natura e tutto il creato esistono ed evolvono grazie agli infiniti scambi di “dati” e di “messaggi” resi attivi  ed operanti da una debolissima meccanica nucleare, vale a dire da una forma di radioattività debole - benefica e positiva - senza la quale la  vita non potrebbe esistere. Quest’ultima, scoperta da Turenne all’inizio del 1900, fu negata dalla Comunità Scientifica, ma la stessa  Comunità ha dovuto riconoscerla dopo probanti esperimenti solo nel luglio del 2012.  Turenne fu pioniere nello studio della Fisica dell’Elettromagnetismo, fu uno scienziato di tutto rispetto che fece molteplici scoperte nel campo  delle onde, molte altre importanti che riguardano la Natura nelle sue varie espressioni (l’aria, i Raggi Cosmici, i neutrini e le particelle  subatomiche, le acque, la terra con il sottosuolo, la Geobiologia, etc. etc.), ma soprattutto, ha sollevato il velo (come egli stesso afferma) sul  mistero della Vita e della Salute nell’essere umano. Indagando in quelle zone, tra una scoperta e l’altra Turenne ha trovato le risposte agli  eterni quesiti: Di cosa siamo fatti ? In funzione di quali fenomeni  naturali  viviamo? Quali sono i rapporti tra il nostro corpo visibile e quello  invisibile? Quali sono le interazioni tra il nostro corpo ed il mondo che ci circonda? Quali sono le cause primarie del nostro benessere o del  nostro malessere?  Cento anni sono passati dalle acute e scientifiche puntualizzazioni di Turenne riguardanti l’influenza e l’interazione di tutte le Onde con la  materia vivente, quindi anche con i nostri corpi. Purtroppo l’attuale situazione culturale e comportamentale delle genti, continua ad ignorare  la predetta «verità», si ostina a considerare SOLO la realtà materiale dei nostri corpi e quando questa si guasta si pretende di aggiustarla  UNICAMENTE mediante l’intervento di altra materia (chimica, chirurgia,etc.), mentre risultati duraturi si ottengono solamente agendo sui due  fronti: in onda e sulla materia contemporaneamente.  Louis Turenne, nonostante i pochi mezzi a sua disposizione, fu un grande pioniere della scienza biofisica applicata sia alla medicina che  all'uomo. Egli fu uno dei primi a iniziare timidamente ad attraversare il difficile terreno che divide l'uomo materiale visibile dall'uomo vibratorio  invisibile. Alla base delle sue investigazioni vi erano questi presupposti di base:  l'uomo è sede di fenomeni elettrici e i fenomeni elettrici generano, per quanto deboli, campi elettrici e campi magnetici, i campi elettromagnetici possono essere influenzati da altri campi elettromagnetici, creando fenomeni di induzione, l'induzione elettromagnetica può alterare il campo elettrico e cambiare la chimica molecolare che si basa appunto su sottili, anche se forti, equilibri tra elettroni e protoni. Gran parte delle opere di Turenne sono dedicate agli effetti dell'elettromagnetismo sull'organismo ed alle radiazioni dei vari corpi. Egli è  giunto ad ipotizzare, per la prima volta al mondo, una stretta connessione tra lo stato di salute degli organismi viventi e le radiazioni presenti  nell'ambiente in cui vivono.  Turenne aveva scoperto, con una completezza e precisione ancora oggi non raggiunte, quali sono gli elementi che costituiscono una cellula  sana e quali le loro caratteristiche vibratorie. Dopo tali scoperte gli è stato facile individuare nel vasto mondo dell'elettromagnetismo le  radiazioni/onde utili e favorevoli alla salute e quelle invece contrarie. Il suo impegno di studio si concentrò nel trovare il modo di riequilibrare  le vibrazioni di salute nei corpi viventi e di contrastare o neutralizzare le vibrazioni che destabilizzano la salute, presenti nei campi magnetici  o elettrici dell’elettromagnetismo ambientale.